Mi lavo da solo!

Il vostro bambino vi sta facendo capire che ha voglia di lavarsi da solo ma avete paura che sia ancora troppo piccolo? Igiene, sicurezza, risparmio d’acqua… In questo articolo vi aiutiamo a insegnare a vostro figlio le regole della doccia e del bagno.

A quanti anni un bambino può lavarsi da solo?

L’igiene fa parte integrante dell’educazione di un bambino, esattamente come l’abbigliamento, i pasti ecc. Ogni bambino si sviluppa a un ritmo diverso ed è questo l’aspetto essenziale di cui tenere conto.

Un bambino può cominciare a manifestare la voglia di lavarsi da solo già all’età di 3 anni. Per la sua sicurezza, iniziate lasciandogli svolgere delle piccole azioni, come ad esempio lavarsi le mani o i piedi, e rimanete accanto a lui per sorvegliarlo.

Attenzione, prima dei 4-5 anni l’annegamento è uno dei rischi principali che corrono i bambini. Non uscite dal bagno fino a quando vostro figlio non ha finito di lavarsi. Lasciatelo fare da solo ma non perdetelo mai di vista. Approfittate per svolgere qualche lavoretto domestico o per leggere un buon libro.

Verso i 7 anni, il bambino è abbastanza autonomo per lavarsi come si deve e per restare da solo in bagno. Per rendere questo momento più divertente potete ad esempio dividere il tempo a disposizione in due parti, una dedicata all’igiene e l’altra al gioco.

Infine, stabilite alcune piccole regole insieme a vostro figlio: voi vi impegnate a rispettare la sua intimità e, in cambio, il vostro bambino si impegna a non chiudere la porta a chiave e a lasciarvi controllare se ad esempio si è risciacquato bene.

Insegnare al bambino a lavarsi in sicurezza risparmiando acqua

Tutti i bambini imitano i loro genitori: potete dunque sfruttare questa propensione naturale per dare a vostro figlio il buon esempio. Mostrategli le varie parti del corpo e spiegategli come lavarle.

Cogliete l’occasione per attirare la sua attenzione sul risparmio d’acqua: mi bagno, chiudo il rubinetto mentre mi insapono e poi lo apro di nuovo per risciacquarmi. In totale, la doccia deve durare pochi minuti. Per creare un momento ludico lasciategli un po’ d’acqua sul fondo della vasca o mettete un piccolo secchio nella doccia. Raccomandate al vostro bambino di giocare seduto nella vasca per evitare di scivolare.

Affinché il momento del bagno o della doccia si svolga in tutta serenità, vi consigliamo di dotare la vostra stanza da bagno di tappeti antiscivolo, di uno sgabello, di rubinetti antiscottatura e di paraspigoli ai mobili.

Vi raccomandiamo inoltre di riporre tutti i prodotti tossici in alto o in un armadio chiuso e di mettere in sicurezza le prese di corrente.

Potete anche spiegare al vostro bambino i pericoli del sapone, che non deve essere messo né in bocca né negli occhi. In caso piccoli incidenti, calmate vostro figlio e spiegategli come sciacquarsi la bocca o gli occhi con l’acqua corrente.

Alcune attività ludiche per i bambini durante il bagno

Tutti i bambini attraversano una fase in cui rifiutano o rimandano il momento di lavarsi. Proporre loro delle attività ludiche riservate al bagno potrebbe essere la soluzione. Ecco qualche spunto:

  • lasciategli scegliere alcuni giocattoli da portare con sé nella vasca o nella doccia;
  • inventate una canzoncina e/o un ballo sul tema della doccia;
  • se avete più bambini piccoli, possono fare il bagno insieme e giocare.

Per ulteriori consigli e per aiutarvi nel vostro ruolo di genitori la Croce Rossa Svizzera vi accompagna proponendovi delle formazioni specifiche.